Attenzione I cookie aiutano a fornire una migliore esperienza di navigazione. Se continui acconsenti all'uso dei cookie. OK   Per ulteriori informazioni clicca qui

Arte e Vino: MARCELLO DUDOVICH

Posted by   Siciliana Vini
10/11/2014
0
Arte e Vino: MARCELLO DUDOVICH

Il connubio fra arte e vino ha affascinato e continua ad affascinare gli artisti di ogni tempo.

Il vino di per sé è una forma di arte, ma non solo questo. Il vino è storia, filosofia, cinema, musica, letteratura e persino scienza, chimica e matematica.

Nell'antichità, dagli egizi, ai Greci, fino ad arrivare ai Romani, il vino, la vite e l'uva sono associati al tema della vita, della nascita, della rigenerazione dopo la morte, ma anche del piacere e dell'ebbrezza.

Nel corso dei secoli, gli artisti hanno rappresentato il vino in tutte le sue forme, dalla sua essenza cristiana come nel caso "dell’Ultima cena" (1495-1498) di Leonardo Da Vinci, alla sua dualità tra sacro e profano come nel caso di Caravaggio nel suo celeberrimo dipinto intitolato "Bacco" (1596-1597), fino ad arrivare all’arte contemporanea come nel caso dell’opera impressionista "Bar delle Folies-Bergere" di Edouard Manet, nella quale il vino viene rappresentato nella sua funzione contemporanea di bevanda.

Un artista fondamentale per la nostra cultura enologica marsalese è Marcello Dudovich (Trieste, 21 marzo 1878 – Milano, 31 marzo 1962) che è stato un pubblicitario e pittore italiano. L’artista è stato  uno dei maggiori e più importanti grafici del vino Marsala (Ingham e Florio) dei primi decenni del ‘900.

L'operato del triestino viene ricordato soprattutto per aver messo in scena gli agi della borghesia italiana nel periodo della Belle Époque: l'eleganza, la mondanità, le corse dei cavalli, gli abiti eleganti e, soprattutto la femminilità delle donne altolocate. Nello specifico, nelle grafiche realizzate per le aziende marsalesi, l'artista immortala le donne sdraiate su morbidi divani o in alcove con i loro grandi cappelli, ombrelli, ventagli e gioielli che sorseggiano il vino o, semplicemente, rivolgono sensualmente lo sguardo all’osservatore.

Commenti

Nessun messaggio trovato

Scrivi una recensione