Attention Cookies are used on this site to provide the best user experience. If you continue, we assume that you agree to receive cookies from this site. OK

Il vino Marsala

Il vino Marsala

La denominazione di origine controllata “Marsala”, “Vino Marsala” e “Vino di Marsala”, che deve essere integrata a seconda delle caratteristiche del prodotto dai qualificativi di legge “Fine”, “Superiore”, “Superiore Riserva”, “Vergine” o “Soleras”, “Vergine Riserva” o “Soleras Riserva”, oppure “Vergine Stravecchio” o “Soleras Stravecchio”, è riservata ai vini liquorosi, di colore oro, ambra e rubino, che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nella legge 28 novembre 1984, n. 851, nonché a quelli previsti dal presente disciplinare di produzione.
L’uso della suddetta denominazione è permesso solo con le qualifiche che indicano il periodo di invecchiamento minimo, il colore ed il contenuto zuccherino, espresse ciascuna, in lingua italiana o inglese.
La zona di produzione delle uve destinate alla preparazione del vino Marsala, comprende l’intero territorio della provincia di Trapani, esclusi i comuni di Pantelleria, Favignana ed Alcamo.
I vini per la produzione del marsala devono provenire dalle uve dei vitigni aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione varietale:
a) per i Marsala oro ed ambra: vitigni “Grillo” e/o “Catarratto” (tutte le varietà e tutti i cloni), e/o “Ansonica” (detto localmente “Inzolia”), e/o “Damaschino”;
b) Per i Marsala rubino: vitigni “Perricone” (localmente chiamato “Pignatello”) e/o “Calabrese” (localmente chiamato “Nero d’Avola”) e/o “Nerello mascalese”. Possono concorrere fino al 30% delle uve impegnate in totale, le uve a bacca bianca provenienti dai vigneti di cui al precedente punto a).

Classificazione dei vini Marsala

I vini Marsala devono corrispondere alle seguenti caratteristiche definite dal disciplinare di produzione:

Marsala Fine 

  • titolo alcolometrico volumico totale minimo: 17,50% vol;
  • estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l;
  • acidità totale minima: 3,5 g/l;
  • acidità volatile: non superiore a 15 meq/l;
  • invecchiamento minimo di un anno.

Marsala Superiore

  • titolo alcolometrico volumico totale minimo: 18,00% vol;
  • estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l;
  • acidità totale minima: 3,5 g/l;
  • acidità volatile: non superiore a 17 meq/l;
  • invecchiamento minimo due anni.

Marsala Superiore Riserva

  • tutte le caratteristiche del Marsala Superiore ma con:
  • invecchiamento minimo di quattro anni;
  • acidità volatile: non superiore a 30 meq/l;

Marsala Vergine o Soleras

  • titolo alcolometrico volumico totale minimo: 18,00% vol;
  • gradazione in zuccheri naturali inferiore al 4,0%;
  • estratto non riduttore minimo: 21,0 g/l;
  • acidità totale minima: 3,5 g/l;
  • acidità volatile: non superiore 30 meq/l;
  • invecchiamento minimo cinque anni.

Marsala Vergine Stravecchio o Riserva

  • le stesse caratteristiche del Marsala Vergine ma con: invecchiamento minimo di dieci anni.
  • I Marsala denominati “oro” hanno colore dorato più o meno intenso;
  • i Marsala denominati “ambra” hanno colore giallo ambrato più o meno intenso;
  • i Marsala denominati “rubino” hanno colore rosso rubino che, con l’invecchiamento, acquista riflessi ambrati.
  • I Marsala, secondo il contenuto zuccherino, si classificano in:
  • secco: con zuccheri riduttori inferiori a 40 g/l;
  • semisecco: con zuccheri riduttori superiori a 40 g/l, ma inferiori a 100 g/l;
  • dolce: con zuccheri riduttori superiori a 100 g/l.

L’invecchiamento 

L’invecchiamento deve avvenire in recipienti di legno, preferibilmente di rovere o di ciliegio, salvo che per i primi quattro mesi di invecchiamento del Marsala Fine che possono essere effettuati in recipienti di altro materiale.
Il Marsala Fine dopo i primi quattro mesi di invecchiamento può essere destinato alla trasformazione in altre bevande o prodotti. Il Marsala Vergine in corso di invecchiamento può essere commercializzato come Marsala Superiore o Marsala Fine, purché abbiano completato il periodo di invecchiamento previsto per dette categorie e ne abbiano le caratteristiche.
Parimenti i Marsala Superiori in corso di invecchiamento possono essere commercializzati come Marsala Fini, purché abbiano completato il periodo di invecchiamento previsto per detta categoria e ne abbiano le
caratteristiche.