Предупреждение Для обеспечения высокого уровня обслуживания на этом сайте используются куки (cookies). Продолжая его использование, вы соглашаетесь с тем, что куки (cookies) будут сохраняться на вашем компьютере: Принять

Il vino Marsala

Il vino Marsala

La denominazione di origine controllata “Marsala”, “Vino Marsala” e “Vino di Marsala”, che deve essere integrata a seconda delle caratteristiche del prodotto dai qualificativi di legge “Fine”, “Superiore”, “Superiore Riserva”, “Vergine” o “Soleras”, “Vergine Riserva” o “Soleras Riserva”, oppure “Vergine Stravecchio” o “Soleras Stravecchio”, è riservata ai vini liquorosi, di colore oro, ambra e rubino, che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nella legge 28 novembre 1984, n. 851, nonché a quelli previsti dal presente disciplinare di produzione.
L’uso della suddetta denominazione è permesso solo con le qualifiche che indicano il periodo di invecchiamento minimo, il colore ed il contenuto zuccherino, espresse ciascuna, in lingua italiana o inglese.
La zona di produzione delle uve destinate alla preparazione del vino Marsala, comprende l’intero territorio della provincia di Trapani, esclusi i comuni di Pantelleria, Favignana ed Alcamo.
I vini per la produzione del marsala devono provenire dalle uve dei vitigni aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione varietale:
a) per i Marsala oro ed ambra: vitigni “Grillo” e/o “Catarratto” (tutte le varietà e tutti i cloni), e/o “Ansonica” (detto localmente “Inzolia”), e/o “Damaschino”;
b) Per i Marsala rubino: vitigni “Perricone” (localmente chiamato “Pignatello”) e/o “Calabrese” (localmente chiamato “Nero d’Avola”) e/o “Nerello mascalese”. Possono concorrere fino al 30% delle uve impegnate in totale, le uve a bacca bianca provenienti dai vigneti di cui al precedente punto a).

Classificazione dei vini Marsala

I vini Marsala devono corrispondere alle seguenti caratteristiche definite dal disciplinare di produzione:

Marsala Fine 

  • titolo alcolometrico volumico totale minimo: 17,50% vol;
  • estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l;
  • acidità totale minima: 3,5 g/l;
  • acidità volatile: non superiore a 15 meq/l;
  • invecchiamento minimo di un anno.

Marsala Superiore

  • titolo alcolometrico volumico totale minimo: 18,00% vol;
  • estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l;
  • acidità totale minima: 3,5 g/l;
  • acidità volatile: non superiore a 17 meq/l;
  • invecchiamento minimo due anni.

Marsala Superiore Riserva

  • tutte le caratteristiche del Marsala Superiore ma con:
  • invecchiamento minimo di quattro anni;
  • acidità volatile: non superiore a 30 meq/l;

Marsala Vergine o Soleras

  • titolo alcolometrico volumico totale minimo: 18,00% vol;
  • gradazione in zuccheri naturali inferiore al 4,0%;
  • estratto non riduttore minimo: 21,0 g/l;
  • acidità totale minima: 3,5 g/l;
  • acidità volatile: non superiore 30 meq/l;
  • invecchiamento minimo cinque anni.

Marsala Vergine Stravecchio o Riserva

  • le stesse caratteristiche del Marsala Vergine ma con: invecchiamento minimo di dieci anni.
  • I Marsala denominati “oro” hanno colore dorato più o meno intenso;
  • i Marsala denominati “ambra” hanno colore giallo ambrato più o meno intenso;
  • i Marsala denominati “rubino” hanno colore rosso rubino che, con l’invecchiamento, acquista riflessi ambrati.
  • I Marsala, secondo il contenuto zuccherino, si classificano in:
  • secco: con zuccheri riduttori inferiori a 40 g/l;
  • semisecco: con zuccheri riduttori superiori a 40 g/l, ma inferiori a 100 g/l;
  • dolce: con zuccheri riduttori superiori a 100 g/l.

L’invecchiamento 

L’invecchiamento deve avvenire in recipienti di legno, preferibilmente di rovere o di ciliegio, salvo che per i primi quattro mesi di invecchiamento del Marsala Fine che possono essere effettuati in recipienti di altro materiale.
Il Marsala Fine dopo i primi quattro mesi di invecchiamento può essere destinato alla trasformazione in altre bevande o prodotti. Il Marsala Vergine in corso di invecchiamento può essere commercializzato come Marsala Superiore o Marsala Fine, purché abbiano completato il periodo di invecchiamento previsto per dette categorie e ne abbiano le caratteristiche.
Parimenti i Marsala Superiori in corso di invecchiamento possono essere commercializzati come Marsala Fini, purché abbiano completato il periodo di invecchiamento previsto per detta categoria e ne abbiano le
caratteristiche.